Sappiamo come scegliere il primer occhi?

Il primer promette di uniformare l’incarnato, correggere le discromie e far durare il trucco più a lungo. Ma sappiamo come scegliere il primer occhi?

Make-up- foto elevezine.com

Il make-up occhi rende lo sguardo più profondo e attira l’attenzione su di sé, ma deve essere realizzato a regola d’arte.

Un valido aiuto arriva dal primer occhi, un cosmetico che fa durare il make-up più a lungo e regala un effetto luminoso allo sguardo.

Primer viso VS primer occhi

Quando si parla di primer è necessario fare una distinzione tra primer viso e primer occhi, specialmente per rispettare la delicatezza della zona del viso.

Il primer occhi, infatti, è un cosmetico appositamente formulato per aumentare la durata del trucco occhi e migliorare l’intensità delle nuance.

La formulazione aiuta a nascondere le occhiaie, le zampe di galline e tutte le imperfezioni che possono attentare alla bellezza del viso.

Ciò nonostante la sua funzione principale resta quella di creare una base perfetta, agevolare la stesura dei cosmetici, rendere l’effetto più luminoso e aumentare la durata del trucco.

Va da sé che la texture del primer occhi deve essere leggera e quasi impalpabile in modo da non appesantire l’effetto finale.

Come scegliere il primer occhi

Le case cosmetiche offrono una vasta gamma di soluzioni pronta a soddisfare le esigenze della pelle e le abitudini delle make-up addicted.

Conoscere lo scopo di ogni formulazione può essere utile per capire come scegliere il primer occhi giusto.

  • Stick – I prodotti in versione stick presentano una consistenza più dura che deve essere usata sapientemente per evitare una base troppo spessa.
  • Compatti – I primer occhi compatti sono simili ai fondotinta compatti e richiedono le stesse attenzioni riservate a questi cosmetici.
  • Crema – La formulazione in crema può essere applicata con pennelli o polpastrelli, ma in ogni caso restituisce un risultato uniforme.
  • Coprente – I primer coprenti offrono la soluzione ideale per coprire le imperfezioni delle palpebre come le rughette o le venuzze.
  • Opacizzanti – La versione opacizzante consente di camuffare l’effetto lucido della pelle grassa e di trovare un rimedio per la palpebra oleosa.
  • Siliconi – Un primer con siliconi riempie le piccole rughette, crea una base trucco liscia e ottiene un effetto ottico antiage, ma deve essere usato occasionalmente per non soffocare la pelle.
  • BIO – Le formulazioni prive di sostanze irritanti permettono di truccare gli occhi sensibili e le pelli più delicate.

Come applicarlo?

Dopo aver scelto la formulazione giusta è necessario applicare il primer in modo corretto per sfruttare appieno il suo potenziale.

È sufficiente iniziare con la solita beauty routine (crema idratante, fondotinta e cipria), prelevare un po’ di primer e applicare sulla palpebra mobile con movimenti leggeri.

L’applicazione risulta molto semplice, ma nasconde qualche piccola insidia che può essere evitata con alcuni accorgimento.

In questo senso è meglio non eccedere con la quantità per non ispessire la base, evitare le soluzioni in polvere sul contorno occhi per non creare grumi e usare un contorno occhi in crema prima del primer per non disidratare una pelle già secca.

Myriam