Quantcast

Calciomercato Juventus: Amauri vuole il Milan e viceversa

Il calciomercato Juventus non si è fermato lo scorso 31 agosto. La sessione estiva, in realtà, non sembra essere finita. Marotta sta preparando altri colpi per il mercato di gennaio. L’obiettivo della Juve è risolvere i tanti casi irrisolti, in primis per quanto fa riferimento alle posizioni di Amauri e Iaquinta. La punta brasiliana ha, per cosi’ dire, fatto i capricci nel mese di agosto, rinunciando a sicuri trasferimenti all’estero. Amauri non voleva andare né in Francia (direzione Marsiglia), né in Turchia (al Fenerbeache). Il problema di un suo eventuale addio a Torino è l’ingaggio troppo elevato. Quale squadra riuscirà a permettersi un costo cosi’ esorbitante per un ultra trentenne?

A dir la verità, durante il calciomercato, la Juventus ha tentato di venire incontro alle richieste degli altri club che si sono proposti per l’acquisto di Amauri, principalmente decidendo di pagare una percentuale dello stipendio elevato del calciatore. Ma il brasiliano non ha accettato neanche le avances di squadre italiane: Napoli, Genoa, Palermo e Fiorentina in testa. Un “dispetto” alla Juve che, molto probabilmente, costringerà la società a metterlo fuori rosa. Il giocatore, infatti, non rientra assolutamente nelle strategie offensive di mister Conte. E poi, a dir la verità, c’è un surplus di punte e Amauri non è certamente il miglior giocatore a disposizione dell’allenatore in quel reparto. Cosa succederà? A gennaio Amauri potrebbe trasferirsi al Milan. Sarebbe un buon rinforzo per Allegri e Galliani è già al lavoro per poter concretizzare il passaggio del giocatore all’apertura della prossima sessione estiva, nel mese di gennaio 2012.

Il calciomercato Juventus, quindi, proverà a risolvere i suoi problemi nel prossimo anno. Il Milan è in attesa di conoscere la volontà del giocatore che, secondo le ultime notizie, sarebbe ben disposto ad un trasferimento a Milano. Il Napoli e il Palermo staranno in allerta con la speranza di poter acquistare il brasiliano.