Quantcast

Facebook nella bufera in Inghilterra: avrebbe favorito Netflix e AirBnb nell’accesso ai dati degli utenti

Facebook è finito di nuovo nella bufera in Inghilterra poiché secondo diversi parlamentari avrebbe favorito Netflix e AirBnb nell’accesso ai dati degli utenti, svantaggiando chi non investiva abbastanza nell’acquisto di spazi pubblicitari sulla piattaforma. I documenti sono stati raccolti durante le indagini della commissione incaricata di ricostruire la vicenda Cambridge Analytica, nella quale una società britannica ha usato i dati di 87 milioni di utenti del social network per tentare di condizionare le opinioni degli elettori in vista della Brexit e delle elezioni presidenziali americane del 2016.

Facebook – Foto: Pixabay.com

“Credo che divulgare questi documenti sia nell’interesse pubblico – ha scritto il parlamentare Damian Collins accompagnando la pubblicazione del file -. Sollevano importanti domande su come Facebook tratta i dati degli utenti, sulle loro politiche di collaborazione con gli sviluppatori di app e su come esercitano la loro posizione dominante nel mercato dei social media”. Il deputato ha auspicato un dibattito pubblico più ampio sui diritti degli utenti dei social media e delle piccole imprese che devono lavorare con i giganti della tecnologia: “Spero che la nostra commissione d’inchiesta possa difenderli”.

Facebook ha respinto tutte le accuse, asserendo di non aver mai venduto i dati delle persone.