Amanda Sandrelli “Quando mio padre, Gino Paoli, tentò il suicidio”

gn_2sandr_paoli

In un’intervista al settimanale Diva e Donna Amanda Sandrelli ha ricordato un periodo difficile e doloroso della sua vita quando suo padre, Gino Paoli, tentò il suicidio, ma si salvò poichè il proiettile si conficcò nel pericardio causandogli gravi conseguenze e un danno permanente.

Era il 1963 e Amanda Sandrelli era solo una ragazzina “Con gli anni è diventato molto più aperto. Ora parliamo molto di più…” ha spiegato l’attrice che è anche figlia di Stefania Sandrelli “Da bambina non lo frequentavo molto, lui era sempre in giro, come anche mia madre. Ma abbiamo sempre avuto un rapporto strettissimo…”

La Sandrelli lo ha poi definito “Un uomo importante, forte e segnato come un vecchio albero. Io lo vedo sempre uguale, lo percepisco invincibile, non ha paura della morte. Lo ha dimostrato anche quella volta che si è sparato…” ha spiegato di suo padre, Gino Paoli “Lui ha sempre negato che fosse per amore. Non ne ha mai voluto parlare. Quel proiettile lo vedo come una delle sue tante cicatrici. Come il tatuaggio che si fece in Giappone, si svegliò e non si ricordava come se l’era fatto”

Parlando di entrambi i genitori l’attrice ha poi spiegato “Sono più simile, anche fisicamente, a mio padre, i miei momenti bui assomigliano ai suoi” ha detto l’attrice “Da mia madre ho sempre percepito una grande solidità affettiva. Nei momenti difficili lei c’è sempre stata”

Di Stefania Sandrelli ha poi detto “Ha un modo istintivamente sano di fare con i figli. Nessun complimento, non ricordo sia mai entrata in camerino”

 

valentina