Michele Bravi indagato per omicidio stradale: la Procura di Milano ha concluso l’inchiesta

Michele Bravi è iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio stradale. La Procura di Milano ha concluso l’inchiesta, che prelude alla richiesta di processo. L’ex vincitore di X Factor potrebbe affrontare un processo per avere travolto, con l’auto, una moto con in sella una donna, uccidendola.

Michele Bravi – Foto: Facebook

Il bravissimo e popolare cantante Michele Bravi era rimasto coinvolto in un incidente mortale, avvenuto il 22 novembre 2018 in zona San Siro a Milano, in cui ha perso la vita una donna di 58 anni, Rosanna Colia, che era alla guida di una moto Kawasaki. L’artista e vincitore di X Factor guidava un’auto Bmw di un servizio di car sharing.

Il cantante era sceso dalla macchina e si era fermato a chiamare i soccorsi. La donna era stata trasportata all’ospedale San Carlo, ma per lei non c’è stato nulla da fare. “Sono sotto choc”, aveva detto il 24enne artista esprimendo il suo profondo dolore nelle ore seguenti all’incidente mortale.

Tra i vari accertamenti dell’indagine del pm Alessandra Cerreti, c’è stata anche una consulenza cinematica affidata a un perito incaricato dalla Procura. Bravi potrà ora depositare memorie o chiedere di essere interrogato.

Il cantante aveva detto di confidare “nell’esimio lavoro della magistratura, nei confronti della quale nutro il massimo rispetto, per la determinazione delle responsabilità nel sinistro. Quanto accaduto ha certamente e intimamente sconvolto la vita di numerose persone: la mia e quella dei cari della defunta”.

Redazione-iGossip