Terremoto Giappone Oggi : Evacuazione Nel Raggio Di 30 Km

Continua incessabilmente a peggiore la tragica situazione nella quale si vede coinvolto il Giappone in seguito allo spaventoso sisma di 8,9 gradi scala Richter che nella giornata di venerdì ha avuto epicentro in alto mare a 130 chilometri da Sendai. Se la tecnologia edile antisismica del quale il paese del sol levante è munito ha garantito la sicurezza di edifici che non hanno riportato alcun danno nonostante l’entità del terremoto, il Giappone non poteva di certo essere preparato al terribile tsunami che poche ore dopo il terremoto si è affacciato sulla costa nordest dell’isola fiero della sua spaventosa altezza pari a 10 metri. Lo tsunami ha spazzato via ogni cosa, sradicando case e mietendo vittime senza alcuna pietà per ritirarsi poi nuovamente in mare dove ha portato con sé parte del macabro bottino.

Lo shock iniziale del sisma è stato quindi dimenticato in previsione di una minaccia ben più terribile che ancora oggi, a distanza di quattro giorni dal sisma, continua a generare il terrore in tutti i giapponesi, ovvero la minaccia nucleare dovuta al malfunzionamento dei reattori della centrale nucleare Fukushima dove attualmente sono concentrati gli sforzi del governo Giapponese per evitare un tragedia di proporzioni epiche simile a quella di Chernobyl.
Il governo di Tokyo intanto assicura che tutto andrà per il meglio e ordina l’evacuazione dei residenti per un raggio di 10 chilometri prima, poi 20 ed oggi 30 chilometri a partire da Fukushima. I continui nuovi ordini di evacuazione non tranquillizzano di certo il popolo giapponese che da questi deduce la serietà del pericolo in cui versa il loro paese.

WebWriter