Quantcast

Intimissimi ‘snobba’ le top per un giorno

Molte volte le scelte delle case di moda e del settore cosmetico si avvicinano alle persone comuni, ovvero alle potenziali consumatrici che andranno ad acquistare i prodotti. Si tratta di scelte interessanti, che mostrano come la moda o la cosmesi proposta sia adatta ad un uso popolare e non elitario come avviene con le modelle. Questo trend si sta registrando anche con l’avvento delle modelle curvy, che per fortuna stanno riportando la moda ad una dimensione più vera e reale.

Intimissimi spot - Fonte: affaritaliani.it
Intimissimi spot – Fonte: affaritaliani.it

Per dimostrare la volontà di essere vicino alle consumatrici, il brand Intimissimi ha scelto di abbandonare le belle e patinate modelle per un giorno e di creare degli shooting fotografici con protagoniste le donne comuni.

Il brand di intimo ha lanciato un contest dedicato alle donne che volevano diventare ‘volto’ Intimissimi e l’iniziativa ha riscosso moltissimo successo, grazie anche ad una condivisione sui social sicuramente massiva. Si è trattato di un vero e proprio successo, perché con l’hashtag #ImAstory, Intimissimi ha invitato le aspiranti modelle ad inviare una foto oppure a postare un video. Le selezioni hanno portato alla scelta di sette donne e ragazze che nella vita fanno tutt’altro che le modelle, ma che in realtà sembrano molto più belle e interessanti delle originali. I loro nomi sono Miriam, Liliya, Barbara, Marsica, Fiona, Maria e Sonya, e il loro lavoro di tutti i giorni è ballerina, manager, architetto, fiorista, attrice di teatro, studentessa e personal trainer. Si tratta di mestieri diversi ed eterogenei, che sono stati esaltati negli shooting eseguiti dal brand di intimo e moda mare.

Il casting è stato lanciato su Instagram e ora il brand sta lanciando uno spot internazionale dove racconta chi sono le modelle per un giorno. Si tratta di ragazze che arrivano da ogni parte dell’Europa, perché il progetto è stato di respiro internazionale. La grafica del video, la scelta delle foto e anche l’intero progetto grafico sono davvero eleganti e raffinati e mostrano come una donna o una ragazza con un lavoro ‘normale’ possano diventare modella per un giorno in modo raffinato e senza mostrare grandi differenze con le ragazze che lavorano nel campo della moda.

Forse questa è la scelta più vincente del brand di intimo, perché se la grafica fosse stata pacchiana o se le modelle fossero state inopportune, la campagna non avrebbe probabilmente sortito questo effetto. Atmosfere eteree, una bella musica e delle ambientazioni metropolitane hanno invece reso il primo video molto intrigante, preludio di una campagna di moda finalmente diversa dalle solite, ma ricca di stile e di glamour innati.