Non è l’Arena, Massimo Giletti critica Barbara D’Urso sul matrimonio di Tony Colombo e Tina Rispoli

Non è l’Arena di Massimo Giletti è tornata a parlare del chiacchieratissimo e trash matrimonio di Tony Colombo e Tina Rispoli trasmesso in tv da Barbara D’Urso a Pomeriggio 5 e della scottante e importante inchiesta giornalistica di Fanpage.it denominata Camorra Entertainment sui contatti sospetti o palesi del cantante neomelodico e della vedova del boss Gateano Marino (fratello di Gennaro Marino, capo dell’ala militare degli Scissionisti di Secondigliano, oggi detenuto al 41bis) con la camorra.

Il conduttore tv di Non è l’Arena Massimo Giletti ha criticato duramente la collega Barbara D’Urso su questa vicenda trattata come semplice trash in tv: “Come mai siamo sempre e solo noi a raccontare chi erano i Marino? Io mi piglio le critiche, gli attacchi personali, però sinceramente è curioso che su questa vicenda tutti giochino alla principessa e alla coroncina (fa riferimento alle parole di Barbara D’Urso quando ha visto Tina Rispoli vestita da sposa, ndr), però poi alla fine la verità purtroppo è un’altra”.

Giletti ha poi aggiunto: “La nostra responsabilità è enorme, soprattutto se si parla a un pubblico che non ha la capacità di sapere di chi si sta parlando. Non tutti sanno chi è Tony Colombo e chi è Tina Rispoli. Ma a che gioco gioca questa televisione?”.

Secondo quanto racconta Tony Colombo, lui avrebbe conosciuto Tina Rispoli grazie alle numerose feste di famiglia a cui la donna lo avrebbe invitato per allietare la serata con la sua musica. L’inchiesta di Fanpage.it ha raccontato una verità diversa. Gaetano Marino avrebbe prestato 8mila euro a Tony Colombo e da lì, il cantante neomelodico sarebbe diventato una sorta di menestrello di famiglia. Il direttore Francesco Piccinini ha dichiarato: “C’era un rapporto pregresso, importante, tra Tony Colombo e la famiglia Marino. Tony Colombo, nel momento peggiore della sua attività artistica, rimane senza soldi, ha problemi di pagamenti, ha dei debitori che lo cercano e Gaetano Marino gli fa un primo prestito che noi abbiamo documentato attraverso una persona molto legata a lui, che Roberto Saviano definisce ‘il maggiordomo di Gaetano Marino’. Marino non aveva le mani (a causa dell’esplosione di una bomba che stava piazzando contro Antonio Ruocco, ndr) e aveva bisogno di qualcuno che lo aiutasse. Abbiamo verificato la storia che lui ci ha raccontato, attraverso altre fonti. La vicinanza di Tony Colombo alla famiglia Marino la conferma Tommaso Prestieri, uno dei più importanti boss della camorra di Secondigliano – Scampia“.

Massimo Giletti ha fatto notare che Tina Rispoli ha dichiarato in passato di vivere grazie all’assegno di invalidità del marito. Francesco Piccinini ha rimarcato un altro aspetto evidenziato dall’inchiesta di Fanpage.it e cioè che risulterebbero 50 appartamenti intestati a Tina Rispoli e ai figli: “(Gaetano Marino) ha intestato, tra lei e i figli, 50 appartamenti. I Marino hanno gestito una delle piazze di spaccio più importanti di tutta la città, piazza delle case Celesti. È stata data a loro proprio perché Gaetano ha perso le mani. Lo racconta Tommaso Prestieri che era lì con lui quel giorno. Ci racconta: Lui perde le mani e noi per ricompensarlo di quella perdita gli diamo una delle piazze più importanti”.

Roberto Saviano: “Il matrimonio di Tina e Tony celebra una pace nella faida di camorra”

Intanto il celebre scrittore di Gomorra, Roberto Saviano, ha dichiarato a Fanpage.it: “Gaetano Marino è stato ammazzato da quella parte criminale in cui c’erano i fratelli di sua moglie Tina Rispoli. Il matrimonio di Tina con Tony Colombo celebra una pace nella faida di camorra di Scampia“.

Redazione-iGossip