Anticipazioni Il Segreto, trame puntate dal 30 marzo al 5 aprile 2020

Le anticipazioni su Il Segreto ci svelano che nelle puntate dal 30 marzo al 5 aprile assisteremo all’arrivo di nuovi personaggi. Cosa accadrà?

Adolfo Il Segreto- foto es.vida-estilo.yahoo.com

Irene e Severo fanno le valigie per lasciare Puente Viejo e salutano Carmelo per l’ultima volta.

Emilia e Alfonso raggiungono Maria e i bambini e salutano Marcela e Matías. I coniugi Castaneda partiranno alla volta di Parigi e da lì si dirigeranno a Cuba per stare con Maria e Gonzalo.

Matias non intende lasciare Puente Viejo, ma Marcela non sembra appoggiare la decisione del marito.

Francisca e Raimundo preparano la loro partenza per Madrid e regalano a Mauricio un biglietto per permettergli di raggiungere Fe. I tre si salutano.

La scena si sposta a settembre del 1930 e Puente Viejo è tornata a fiorire dopo l’incendio appiccato da Fernando.

Ignacio Solozábal e il suo collaboratore Jesús Urrutia gestiscono gli affari della fabbrica mentre le figlie del primo, Marta, Rosa e Carolina sono in partenza per Bilbao.

Marta confessa di voler tornare a vivere dopo la morte del suo fidanzato, Rosa decide di immergersi nei suoi studi mentre Carolina preferirebbe stare a Puente Viejo.

Pablo intercetta il malumore di Carolina e le chiede di confidarsi con lui.

Encarnacion, cuoca e moglie di Jesús, prepara la cena delle ragazze prima della partenza, ma viene interrotta da sua figlia Alicia che la rimprovera per le attenzioni che riserva alle figlie di Ignacio Solozábal.

Ignacio parla con il parroco locale Don Filiberto e il capitano Huertas, Mauricio e Jesús. A loro si uniscono Marta, Rosa e Carolina e  Pablo, il quale rivela di essere stato arruolato.

Carolina sviene alla notizia di Pablo e Ignacio decide di non farla partire per il momento.

Rosa e Marta sono in partenza e incontrano un giovane distinto, ma la sua identità resta un mistero. Ad un tratto la stazione si gremisce di uomini armati che sequestrano i presenti in nome della rivoluzione.

Tomás, figlio della Marchesa Isabel de Los Visos, si mostra preoccupato per il ritardo nei pagamenti dei minatori. Il ragazzo parla della questione con Iñigo Maqueda, caposquadra delle miniere.

La Marchesa interrompe Tomás e Iñigo e firma i pagamenti un po’ riluttante per via dell’ingratitudine dei minatori.

Isabel spiega alla sua cameriera Antoñita i dettagli per la cena di accoglienza di Adolfo, ma Tomás la interrompe per ricordarle di dover andare a La Casona per salutare le figlie di Solozábal.

La Marchesa decide di declinare l’invito e chiede a suo figlio di porgere a Ignacio le sue scuse.

Dolores e Tiburcio inviano una richiesta alla Marchesa nella quale si lamentano dei debiti. Mauricio arriva in negozio e si appresta a criticare sulle miniere.

Marcela e Hipolito parlano dei cambiamenti: Mauricio è diventato sindaco, Gracia è morta e Matias è stato arrestato.

Tomás arriva in locanda e Marcela lo bacia con passione.

Gli uomini armati decidono di liberare solo i lavoratori mentre Adolfo e le figlie di Ignacio vengono trattenuti.

Il capitano Huertas interrompe la conversazione tra Ignacio e Pablo per comunicargli del rapimento delle ragazze. Intanto Carolina è si sente in colpa e nessuno riesce a calmarla.

Jesús lavora in fabbrica ed Encarnación lo interrompe per conoscere i dettagli del rapimento. L’uomo sospetta che Alicia sia stata coinvolta.

Ignacio parla con Jesús per trovare una soluzione al sequestro senza spargimenti di sangue.

Dolores accusa Hipolito di non fare nulla per aiutarla in un momento difficile, soprattutto in qualità di tesoriere comunale.

Hipolito cerca di discolparsi con sua madre, dicendo di dover provvedere a sua figlia che è rimasta con i genitori di Gracia.

Iñigo Maqueda prova a ottenere una lettera di raccomandazione per il nipote di un minatore di nome Cosme. L’uomo chiede aiuto a Don Filiberto, ma il parroco non si pronuncia a riguardo.

Il caposquadra delle miniere sonda la situazione dei minatori interrogando Cosme.

A La Habana tutti attendono l’arrivo di Adolfo, ma Tomás riferisce gli ultimi avvenimenti: suo fratello e le figlie di Ignacio sono stati rapiti.

Ignacio propone a Isabel di unire le loro forze per liberare i prigionieri, ma la marchesa rifiuta.

Iñigo chiede a Isabel come intende procedere, ma la marchesa si dice sicura che Adolfo sappia uscirne da solo. L’uomo la consola.

Ignacio spiega a Jesús il suo piano per liberare gli ostaggi.

Carolina non riesce a darsi pace e Manuela la invita a scrivere a sua madre, Doña Begoña, ma la ragazza si rifiuta.

Pablo ed Encarnación vengono a conoscenza delle intenzioni di Ignacio.

Ignacio e Jesús si infiltrano e arrivano a Juan, il capo dei sequestratori. Il Solozábal prova a farli ragionare e dopo incontra le figlie.

Mauricio comunica la notizia del rapimento al capitano Huertas e chiede il suo intervento.

La cameriera della marchesa e il caposquadra delle miniere commentano gli ultimi avvenimenti.

Isabel apprende che Ignacio e Jesús si sono infiltrati per negoziare e chiede a Tomás di fare qualcosa.

Tomás confessa a Marcela di non aver eseguito gli ordini di sua madre e la locandiera sembra esserne felice.

Il capitano Huertas informa Mauricio e Don Filiberto che Ignacio e Jesús si sono infiltrati per evitare un bagno di sangue.

Isabel chiede di far fuori i rivoluzionari, ma Mauricio crede che tutto potrebbe risolversi senza vittime.

Don Filiberto raggiunge la miniera e Iñigo gli ricorda la lettera di raccomandazione, ma il sacerdote sembra non essere disposto a favorire una persona che non frequenta la Chiesa.

Isabel denigra il servilismo di Antoñita mentre Tomás non riesce a capire come la donna riesca a sottostare. La cameriera confessa di dover tutto alla marchesa.

Alicia chiede a sua madre se è vero che suo padre è trattenuto e punta il dito contro la loro sottomissione nei confronti dei Solozábal.

Manuela sorprende Encarnación in lacrime in cucina e scopre che Alicia è diventata ingestibile.

Adolfo crede che la situazione volgerà al peggio mentre Ignacio e Jesús si dicono ottimisti.

Gli uomini armati piazzano degli esplosivi: Marta urla e Adolfo finge di collaborare con loro.

Marcela chiude la locanda e raggiunge Tomas. Il ragazzo si dice preoccupato di un ritorno di Matías.

Ignacio e Jesús vengono incatenati, Rosa cerca di aiutarli mentre Adolfo li salva.  Tutti gli ostaggi riescono a scappare e la stazione salta in aria.

Ignacio loda Adolfo e la Marchesa giunta sul posto annuncia a tutti che si tratta di suo figlio.

Mauricio, il capitano Huertas e Don Filiberto celebrano la liberazione degli ostaggi, anche se il parroco crede che la reputazione del paese sia stata compromessa.

Iñigo si scusa con il parroco per aver insistito, ma riesce a ottenerla con astuzia.

Adolfo arriva a casa e Tomás gli spiega che la loro madre odia Ignacio. La donna li invita a concentrarsi sul lavoro.

Manuela accoglie i Solozábal mentre Carolina si informa su quanto accaduto.

Pablo e Carolina si baciano, ma il ragazzo si tira indietro. La ragazza insiste per rivelare a tutti il loro amore, ma lui crede non sia il momento.

Alicia è contenta del ritorno del padre e lo invita a svincolarsi da Ignacio.

Ignacio racconta a Pablo di volersi liberare dell’influenza che Adolfo ha sulle sue figlie.

Marcela incontra Raimundo e ne resta sorpresa. L’uomo dice di non avere notizie di Francisca.

Myriam