Coronavirus, chi è positivo al Covid-19 o è in quarantena ed esce di casa: cosa rischia?

Coronavirus, chi è positivo al Covid-19 o è in quarantena ed esce di casa: cosa rischia? Chi posso chiamare per segnalare la violazione delle disposizioni da parte di terzi? In caso di violazione delle norme, si è soggetti solo a una sanzione amministrativa o sono previste altre misure?

Coronavirus – Foto: Pixabay.com

Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, per contrastare le uscite di casa senza valido motivo, ha introdotto un nuovo modulo per l’autocertificazione, nel quale è inserita una voce in più: la persona fermata deve dichiarare di “non essere” soggetta a “quarantena” e di non essere positiva al Covid-19. Nel caso in cui menta, scatta la denuncia per procurata epidemia, che prevede fino a 12 anni di carcere.

ARBIDOL E LA BUFALA SUL MIRACOLOSO FARMACO RUSSO CONTRO IL CORONAVIRUS

Ci saranno posti di blocco per controllare il rispetto della misura?

Ci saranno controlli. In presenza di regole uniformi sull’intero territorio nazionale, non ci saranno posti di blocco fissi per impedire alle persone di muoversi. La Polizia municipale e le forze di polizia, nell’ambito della loro ordinaria attività di controllo del territorio, vigileranno sull’osservanza delle regole.

CORONAVIRUS, ROCHE CEDE GRATIS IL FARMACO PER L’ARTRITE REUMATOIDE

Chi posso chiamare per segnalare la violazione delle disposizioni da parte di terzi?

È possibile segnalare eventuali violazioni, come sempre, alla polizia municipale o alle altre forze dell’ordine.

EMERGENZA NUOVO CORONAVIRUS: ECCO COSA FARE IN CASO DI FEBBRE, TOSSE, MAL DI PANCIA, NAUSEA E RAFFREDDORE

In caso di violazione delle norme, si è soggetti solo a una sanzione amministrativa o sono previste altre misure?

L’articolo 3 del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, prevede che, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, il mancato rispetto delle disposte misure di contenimento è punito ai sensi dell’articolo 650 del codice penale. Si ricorda a tale proposito che tale disposizione prevede che “chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d’ordine pubblico o d’igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a duecentosei euro”. Inoltre la violazione degli obblighi imposti dalle misure a carico dei gestori di pubblici esercizi o di attività commerciali è sanzionata altresì con la chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni.

DECRETO GOVERNO CONTE SUL CORONAVIRUS: COSA SI PUÒ FARE E COSA È VIETATO

L’ammenda di cui si parla comporta l’iscrizione nel casellario giudiziale?

Sì, salvo che sia stato concesso uno dei benefici previsti dagli articoli 163 (Sospensione condizionale della pena) e 175 (Non menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale) del codice penale. In ogni caso la condanna risulterà nel casellario nei casi in cui il relativo certificato sia rilasciato su richiesta di una pubblica amministrazione.

LEGGI I CONSIGLI, LE LINEE GUIDA E LE PRECAUZIONI PER EVITARE IL CONTAGIO DA CORONAVIRUS

Redazione-iGossip