Quantcast

Caio Giulio Cesare fa a pezzi la cugina Alessandra Mussolini: “E’ stata eletta senza esperienza”

Caio Giulio Cesare Mussolini ha fatto a pezzi la cugina Alessandra Mussolini durante un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. Il 50enne ex ufficiale di Marina e manager di Finmeccanica, figlio di Guido e bisnipote del Duce, è uno dei probabili candidati alle prossime elezioni politiche 2018 con il partito di Giorgia Meloni: Fratelli d’Italia.

Caio Giulio Cesare Mussolini – Foto: Facebook

Al momento è solo un’ipotesi. Caio Giulio Cesare Mussolini ha parlato del suo cognome: “Per il cognome sono stato attaccato a priori. Ho vissuto una dicotomia. Ciò che mi dicevano a scuola o su certa stampa, tutto male del fascismo, e ciò che mi dicevano a casa o alcune persone che lo avevano vissuto, tutto bene”. Ha risolto la dicotomia studiando: “Capendo che ci sono state cose negative e cose positive. Che è stato un periodo complesso. Ed è un periodo chiuso. Ha rappresentato l’Italia, gli slanci e le mediocrità. Il fascismo sono stati gli italiani. Questa passione per l’uomo forte, per esempio. È molto latina. E resta”.

Per quanto riguarda l’avanzata dei movimenti xenofobi e nazi-fascisti in Europa, Caio Giulio Cesare Mussolini ha asserito: “Non sono molto addentro. Di certo rappresentano più una minaccia all’ordine pubblico i centri sociali”.

Ha bocciato senza appello la legge Fiano: “È anacronistica, un pretesto per non parlare dei problemi veri. Cosa fai, butti giù l’obelisco del Foro italico o riannacqui le paludi che Mussolini aveva bonificato?”.

Ora vive ad Abu Dhabi e il suo giudizio sullo stato di salute del sistema italiano è durissimo: “E’ sull’orlo del baratro. Contiamo niente e Alfano è un ministro patetico. Non c’è rispetto per le regole e mancano il senso civico e il principio di autorità”.

Poi ha lanciato una stoccata velenosissima alla cugina Alessandra Mussolini. “Io e Alessandra abbiamo avuto un percorso diverso – ha sottolineato il manager – Lei ha fatto l’attrice, poi è stata eletta senza esperienza. Io sono entrato in Marina, ho due lauree, parlo tre lingue”.