Quantcast

Cibo e bagno in mare: bisogna davvero attendere 3 ore dopo aver mangiato?

Cibo e bagno in mare: bisogna davvero attendere 3 ore dopo aver mangiato? Fake news o sacrosanta verità tramandata di generazione in generazione? Durante il periodo delle vacanze estive, questo argomento torna sempre di estrema attualità anche sotto l’ombrellone. I genitori vietano ai bambini di fare il bagno dopo pranzo, per paura delle congestioni.

Papà con la figlia in vacanza al mare – Foto: Pixabay.com

I tempi della digestione variano in base alle caratteristiche della persona, alla tipologia di cibo consumato e alla quantità. È importante considerare la velocità nella masticazione, l’acidità gastrica e la motilità intestinale.

Masticare lentamente e con cura, senza dunque ingerire bocconi troppo grossi, come anche mangiare cibo adeguatamente cotto e non troppo solido consente di diminuire i tempi di digestione. La digestione, al contrario, si allunga quando si ingeriscono troppi alimenti diversi fra loro e in modo eccessivamente veloce oppure quando si mangia la carne. Basti pensare che una bistecca di manzo viene digerita in circa 3 o 4 ore, mentre, per la carne di maiale ne servono 5.

Pertanto è preferibile mangiare la frutta e la verdura cruda poiché vengono digerite in circa mezz’ora. Le patate in circa un’ora. Il pesce e i carboidrati in 1 o 2 ore.

Dopo i pasti, stomaco e intestino necessitano di ossigeno per digerire e trasformare il cibo che è stato ingerito. L’ossigeno viene trasportato attraverso il flusso sanguigno.

Un cambiamento della temperatura può causare una diminuzione della quantità di sangue che arriva all’addome, provocando il rallentamento del processo digestivo. Questo comporta poi una sensazione di malessere.

Come fare il bagno al mare senza rischi, alcuni consigli utili:

  • evitare di consumare bevande troppo fredde o troppo calde, che alterano la temperatura del corpo in modo repentino;
  • è opportuno non fare docce troppo fredde o troppo calde dopo i pasti;
  • prima di fare il bagno, è opportuno abituare lentamente il corpo alla temperatura diversa dell’acqua, più fredda;
  • occorre mangiare frutta e verdura;
  • dopo i pasti, è preferibile non esporsi al sole, ma rilassarsi all’ombra.