Quantcast

Cicciolina non vuole fare la fine di Laura Antonelli

Cicciolina, all’anagrafe Elena Anna Staller, non vuole fare la stessa fine della compianta e celebre attrice italiana Laura Antonelli morta nella sua abitazione di Ladispoli la mattina del 22 giugno 2015 all’età di 73 anni vittima di un infarto, dopo aver trascorso gli ultimi anni della sua vita con una misera pensione di 500 euro al mese. L’ex attrice di film a luci rosse ed ex politica ungherese naturalizzata italiana Cicciolina, che conserva ancora i boxer di Silvio Berlusconi, ha rilasciato un’intervista a GQ Italia in cui ha dichiarato di aver cambiato il costume sessuale degli italiani: “Merito una rendita, e di non fare la fine di Laura Antonelli”.

Cicciolina - Foto: Facebook
Cicciolina – Foto: Facebook

L’ex diva del cinema hard Cicciolina ha poi parlato di politica. “Beppe Grillo si è ispirato alle mie battaglie, anzi, diciamo pure che mi ha copiato: sul sociale, per esempio. E sulla comunicazione. I cicciolini però erano dolci, mentre i grillini sono sempre incazzosi”.

L’ex deputata del Partito Radicale, che compirà 65 anni il prossimo 26 novembre, ha poi lanciata una stoccata al vetriolo nei confronti della sindaca di Roma, Virginia Raggi. “È una bella donna – ha detto Ilona Staller -, con la faccia da santarella. Ma mi ha deluso: se sapeva tutto (il riferimento è all’inchiesta che vede coinvolta l’assessore Paola Muraro, ndr) dovrebbe dimettersi. Se non sapeva, peggio ancora, perché in politica l’ignoranza non è ammessa. Ma non lo farà. Questi si comportano come i politici della Prima Repubblica”. E sempre alla sindaca Virginia Raggi ha rivolto un appello: “Cara Virginia, vai su Facebook e leggi: la gente è arrabbiata. Togliti quell’atteggiamento da verginella della politica e usa il cervello. Firmato: Cicciolina”.

Ha inoltre annunciato che voterà sì al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016.