Quantcast

Coppa Italia: Cavani batte l’Inter, Thiago Motta sempre più lontano

La Coppa Italia è entrata nel vivo e dopo tantissimi anni l’Inter deve dire addio alla semifinale. I nerazzurri, dai tempi di Mancini, hanno sempre raggiunto almeno la semifinale di tale competizione. Quest’anno però il Napoli ha voluto prendesi la sua rivincita, visto che lo scorso anno furono proprio i nerazzurri ad eliminare la squadra di Mazzarri. Una vittoria targata Cavani, che con la sua doppietta ha regalato una grandissima gioia a tutti i tifosi. Un primo tempo un pò sottotono per gli uomini di Ranieri che non hanno praticamente mai tirato in porta.

La ripresa ha indubbiamente regalato più emozioni ed è andato in scena lo show di Thiago Motta, evidentemente già consapevole che quella sarebbe stata la sua ultima partita con la maglia nerazzurra, vista la corte serrata del PSG. Il centrocampista italo-brasiliano prima perde palla a ridosso della propria aria di rigore, poi per recuperarla fa fallo su Cavani e l’arbitro non può far altro che assegnare il penalty. Cavani questa volta non sbaglia come è accaduto a Siena e porta il Napoli in vantaggio. Da questo momento in poi l’Inter cerca di farsi viva nell’aria di rigore avversaria, ma l’attacco è fin troppo sterile con il solo Milito. Proprio l’argentino è quello che si infuria di più quando subisce un fallo in aria di rigore, ma Celi questa volta non fischia.

Un episodio che indubbiamente farà discutere per un pò, ma il Napoli è stato più bravo a mantenere la calma e a sfruttare le occasioni giuste, come quella capiata a Cavani nell’ultimo minuto di recupero che ha garantito la fine del matche e il passaggio del turno. Una sconfitta che brucia in casa Inter, ma qui a farsi un esame di coscienza dovrebbe essere Thiago Motta che ha giocato senza quella determinazione necessaria per questo tipo di partite. E’ chiaro che il centrocampista ha in mente solo il PSG e a questo punto anche i tifosi interisti sperano che possa andarsene prima possibile.