Quantcast

Costantino della Gherardesca favorevole ai matrimoni omosessuali e alle adozioni gay

Costantino della Gherardesca può essere davvero soddisfatto dei risultati raggiunti dall’edizione 2016 del reality show di Raidue, Pechino Express. Anche quest’anno è stato uno dei programmi tv più visti, soprattutto dai giovani e giovanissimi. Il 39enne attore, giornalista, conduttore radiofonico, personaggio televisivo, conduttore televisivo romano ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano torinese La Stampa in cui ha parlato di Pechino Express, della sua vita privata e sentimentale, di matrimoni omosessuali e di adozioni gay.

Costantino della Gherardesca - Foto: Facebook
Costantino della Gherardesca – Foto: Facebook

L’irriverente e popolare conduttore tv Costantino della Gherardesca ha spiegato le ragioni del successo di Pechino Express in questi termini: “Fa vedere un po’ di mondo, quello meno scontato che i media nostrani ignorano, si sa, sono molto autarchici. E poi perché non sottovaluta il pubblico. Non prendiamo per scemi gli spettatori. Gli autori sottostimano sia il pubblico sia la loro stessa intelligenza – ha detto Costantino a La Stampa – a la tivù è come l’arte contemporanea: chi la fa o è davvero informato oppure sbraca. È il programma più social, più aggiornato sui nuovi media. Chi lo segue non si limita a guardarlo: lo commenta”.

Ha rivelato di essere attualmente single e ha raccontato alcune esperienze piuttosto difficili e drammatiche vissute prima di diventare famoso e popolare al grande pubblico: “Ho vissuto delle esperienze forti, da ragazzino mi sono drogato. A trent’anni ero già adulto. Diciamo che quel che non ti uccide ti rende più forte, però perdi interesse per molte cose. Oggi sono un uomo noiosissimo: non fumo, non bevo, faccio sesso solo se non fa male e così via”.

Ha poi parlato di alcuni argomenti di estrema attualità politica: i matrimoni omosessuali, le adozioni gay e il referendum costituzionale del 4 dicembre. “Sì ai matrimoni gay per un fatto di equiparazione di diritti – ha asserito il conduttore tv e giornalista romano – Detto questo, oggi l’attivismo gay è del tutto diverso da quello del passato. Foucault aveva torto perché pensava che i gay avrebbero convertito gli etero alla libertà sessuale. Invece è successo il contrario. Oggi gli omosessuali sono ipnotizzati dalla famigliola perfetta americana, tutti alti biondi e con i denti bianchissimi”. E’ favorevole anche alle adozioni gay: “Favorevolissimo. Molto più importanti del matrimonio. Qualcuno mi deve spiegare perché una donna single non possa salvare un bambino dall’orfanotrofio”. E sul referendum costituzionale ha dichiarato: “Voto sì e non ho alcun problema a dirlo. Detesto chi non si espone per paura di perdere consensi”.

Vi è piaciuta questa edizione di Pechino Express? Siete anche voi favorevoli ai matrimoni omosessuali e alle adozioni gay come Costantino della Gherardesca? Siete d’accordo con lui anche sulla questione del referendum del 4 dicembre?