Quantcast

Delevingne: addio alle passerelle a 23 anni?

Cara Delevingne è una delle super top del momento, una ragazza emblematica dei tempi presenti, che ha saputo sdoganare i canoni di bellezza grazie al coraggio di portare con la massima nonchalance delle sopracciglia molto folte che hanno ‘fatto storia’ e che hanno lanciato una vera e propria moda fra le donne di tutto il mondo.

cara-delevingne-eyebrows-dolce-and-gabbana-ss13

Ma cara Delavigne non è solo un super model ricercata dai maggiori brand, soprattutto inglesi, di abbigliamento e di cosmetica, ma anche un’attrice che si è già cimentata in alcuni ruoli di successo, come ad esempio Paper Towns tratto dal romanzo di John Green. E proprio la recitazione sembra essere la vocazione di questa ragazza inglese, un po’ sfacciata e sempre imbronciata, che ha saputo costruire un’immagine sui generis anche grazie alla sua dichiarata bisessualità e al fatto di criticare, più o meno ferocemente, lo star system del mondo della moda.

L’intervista in cui Cara Delevingne spiega le sue ragioni è stata pubblicata in esclusiva dal colosso Times e, in poche e decise parole, la top model dichiara di trovare disgustoso lo show business delle modelle, e il fatto che le case di moda costringono le ragazze a continui ammiccamenti per sembrare belle e felici. Lo star system sembra quindi non avere fatto bene a Cara, che a soli 23 anni ha deciso di lasciare il mondo della moda perché reo di averla stressata troppo, di averla fatte sentire sul filo del rasoio per tanti anni e di averla fatta invecchiare precocemente. Prova ne sarebbe il suo grande vuoto interiore, ma anche delle manifestazioni fisiche come la psoriasi da stress che non la abbandona da mesi e che la fa sentire una vera e propria appestata.

Ma Cara, grazie al suo caratterino e forse anche al cospicuo gruzzolo che è riuscita ad accumulare con un’oculata gestione delle risorse, non ci sta, ed è pronta a spiccare il volo nella recitazione, lavorando nel mondo del cinema. Si tratta, probabilmente, di una scelta già pianificata da tempo, che farà volare ancor più le quotazioni da modella della ragazza, che ha scelto di non farsi più immortalare dai riflettori della moda. Ciò che colpisce è la rinuncia al top della carriera, in un momento in cui ogni donna di buon senso continuerebbe ancora per qualche anno almeno a fare questo mestiere, strapagato anche se continuamente sotto i riflettori. Del resto anche il cinema ne fa parte, ma Cara può contare su tanti altri assi nella manica, come la sua influente rete social e la sua ormai leggendaria propensione al dettare moda fra le donne di tutto il mondo, un tratto che molto probabilmente non la lascerà tanto facilmente priva di contatti di lavoro.