Quantcast

Don Pio Guidolin imputato per pedofilia: chiesti 10 anni

Don Pio Guidolin è imputato per pedofilia per fatti che risalgono al 2014, quando guidava la comunità della parrocchia Santa Croce nel quartiere Villaggio Sant’Agata, ma sono emersi soltanto verso la fine dello scorso anno. Cinque persone, di cui quattro ragazzi e una ragazza hanno denunciato il prete poiché avrebbe sfruttato la sua posizione di sacerdote all’interno della chiesa di periferia per costringere alcuni minorenni a compiere, o subire, atti sessuali.

Le presunte vittime del prete hanno rivelato che Pio Guidolin avrebbe utilizzato l’olio santo mentre si recitavano preghiere ad alta voce come atto purificatore in grado di lenire le sofferenze interiori.

Secondo la ricostruzione dell’accusa, Guidolin a un ragazzo avrebbe prospettato anche l’insorgere di una malattia ai testicoli obbligandolo a compiere atti sessuali. A una seconda vittima, invece, avrebbe descritto i suoi atti come gesti spirituali a cui il minore doveva sottoporsi per essere liberato dal demonio.

Ora la Procura di Catania ha chiesto 10 anni per Guidolin, che è stato destituito dal ruolo di prete in seguito al processo canonico. Pio è da quasi un anno in custodia cautelare nella casa circondariale di Siracusa.

A processo c’è anche un altro imputato: il padre di uno dei ragazzini che sarebbero stati abusati N. N., che è accusato di favoreggiamento.