Quantcast

Elezioni politiche 2018, Salvini: “No a coalizioni strane”

Elezioni politiche del 4 marzo 2018, il nuovo leader del centrodestra Matteo Salvini ha annunciato che non ci saranno coalizioni strane. “Il Governo tocca a noi di centrodestra. La Lega ha vinto all’interno della coalizione del centrodestra. Non ho sentito Berlusconi ma gli accordi tra amici sono chiari e si mantengono – ha precisato – all’interno del centrodestra sono tutti contenti, c’è una coalizione che ha vinto e che può governare. Non commento la débacle altrui, l’arroganza di Matteo Renzi è stata punita”.

Matteo Salvini – Foto: Facebook

“Sono e rimango populista perché chi ascolta il popolo fa il suo mestiere, dei radical chic che schifano l’operaio la gente non ha più voglia. Lavoreremo – ha aggiunto – per modificare e togliere alcuni parametri europei. Ma resto convinto a proposito dell’euro che la moneta unica è destinata a finire non perché lo voglio io ma perché lo dicono fatti, il buon senso. l’economia reale. E vogliamo arrivare preparati a quel momento”.

“Troppi ritardi nelle operazioni di voto – ha attaccato Salvini – il ministro dell’Interno Marco Minniti è arrivato terzo, il modello del buon governo di Renzi gli italiani non l’hanno voluto. Inizia ora un bel percorso. Gli italiani hanno detto ‘decidono gli italiani non lo spread, Berlino, Bruxelles, i mercati non hanno nulla da temere anzi. L’Italia che fa pagare meno tasse, che ha tempi certi per la giustizia, che ha meno burocrazia è una buona notizia che rassicura i mercati. Ora sono lontanissime le polemiche della campagna elettorale. Mi porto ben in tasca il rosario che qualcuno aveva frainteso e che invece ci ha accompagnato e ci accompagnerà”.

“Escludo governi tecnici, di scopo, a tempo, istituzionali – ha affermato il leader del Carroccio – non partecipiamo a governi minestrone. Sarà mio dovere ascoltare capire valutare altre posizioni, però la squadra è quella con cui abbiamo giocato la partita, non mi piace cambiare squadra a partita in corso. Mi incontrerò con tutti, anche con Laura Boldrini essendo due universi molto lontani uno dagli altri”.