Quantcast

Fabio Testi infuriato: “In Rai e Mediaset lavori solo se sei gay o tossico”

Fabio Testi è davvero infuriato. Il famoso attore ha rivelato in un’intervista rilasciata a Radio Cusano che in Rai e Mediaset si lavora solo se sei gay o tossico. Il durissimo sfogo del marito di Antonella Liguori sta facendo rapidamente il giro della Rete.

Fabio Testi Sul Set di Very Valentine con Jacqueline Bisset Sofia – Foto: Facebook

Il popolare attore italiano Fabio Testi sta lavorando molto all’estero. Al programma radiofonico L’Italia s’è desta, il celebre interprete ha parlato di tutto, dal cinema alla politica: «Non se ne parla mai, ma anche noi uomini spesso riceviamo proposte assurde. Io mi sono trovato produttori gay che mi chiedevano di andare a Rio De Janeiro con loro altrimenti non avrei avuto la parte. Io mi mettevo a ridere».

Testi ha poi aggiunto: «Sai quanti ne ho visti di amici miei che hanno accettato? Io mi sono trovato a metà film col regista che mi diceva se non accetti vai a casa e io dicevo ‘Ok vado a casa’. Ma sai quanti sono caduti e sono scesi a compromessi? Per lavorare in Rai devo fare un tesserino da gay, poi uno da tossico per lavorare nell’altro ambiente. Ormai in Italia il lavoro artistico si è limitato a certi gruppi, dove io son tagliato fuori perché sono troppo quadrato. Io non ho tesserino e allora mi lasciano a casa così non gli rompo i cog***ni».

Ha elogiato il leader della Lega Matteo Salvini ed è stato molto cauto sull’operato del Governo giallo-verde: «Tra Salvini e Di Maio ovviamente sono per Salvini. Prima di criticarli e di metterli alla gogna, vediamo cosa faranno e soprattutto ricordiamoci cos’hanno fatto i precedenti governi. Io ho tre figli che lavorano all’estero perché purtroppo non hanno la possibilità di lavorare in Italia, si sono formati qui e non possono lavorare nel nostro Paese».