Quantcast

Facebook multata per violazione della privacy: stangata da 5 miliardi di dollari per Cambridge Analytica

Facebook è stata multata per violazione della privacy. Stangata da 5 miliardi di dollari per lo scandalo Cambridge Analytica. La multa è stata decisa dalla Federal Trade Commission (Ftc), l’autorità del settore, ed è la più grande mai comminata contro una società hi-tech.

Facebook – Foto: Pixabay.com

È il prezzo che il gigante social network di Mark Zuckerberg deve pagare per lo scandalo Cambridge Analytica, la controversa società di raccolta dati che ebbe accesso illegale ai dati personali di ben 86 milioni di utenti Facebook. L’authority ha preso la decisione a maggioranza, con i membri repubblicani che hanno votato a favore della sanzione e quelli democratici contro.

La società di consulenza politica britannica, che aveva Steve Bannon come vice presidente, durante le elezioni presidenziali americane del 2016 e il referendum sulla Brexit aveva avuto accesso alle informazioni personali di circa 87 milioni di utenti del social network senza il loro consenso.

Il gruppo di Mark Zuckerberg, che controlla anche Instagram, WhatsApp e Messenger, aveva già accantonato tre miliardi di dollari per la maxi-multa dai conti trimestrali annunciati dopo la chiusura di Wall Street per lo scandalo della privacy violata.

Questa maxi multa ha superato il record che apparteneva a Google, che nel 2012 per violazione della privacy fu sanzionata con “soltanto” 22 milioni di dollari.