Quantcast

Facebook punta molto sulla criptomoneta Libra, ma arriva lo stop della Camera degli USA

Facebook punta molto sulla criptomoneta Libra, che potrebbe presto diventare la moneta principale del pianeta Terra. Dopo lo scandalo Cambridge Analytica e dopo aver fallito con il dilagare delle fake news, che ha di fatto ridotto l’utilizzo del famoso social network, Zuckerberg vuole riconquistare il popolo del web con i pagamenti, ma la Camera degli Stati Uniti d’America ha chiesto di bloccarne lo sviluppo almeno fino a quando il Congresso e le autorità di regolamentazione non avranno riesaminato il problema invitando, inoltre, i dirigenti delle società coinvolte a rispondere alle domande del Congresso.

Facebook – Foto: Pixabay.com

Maxine Water, che presiede il Comitato per i Servizi Finanziari della Camera degli Stati Uniti, ha dichiarato: “Facebook ha dati su miliardi di persone e ha ripetutamente dimostrato poca attenzione per la protezione e l’uso di questi dati“, afferma Water. “Con l’annuncio che intende creare una criptovaluta, Facebook continua la sua espansione incontrollata ed estende la sua portata alla vita dei suoi utenti“.

Il riferimento è ovviamente allo scandalo di Cambridge Analytica. Il progetto di Facebook è stato accolto con scetticismo anche da altre autorità internazionali. Il ministro francese delle finanze, Bruno Le Maire, ha chiesto una maggiore regolamentazione delle società tecnologiche poiché “questo strumento per le transazioni consentirà a Facebook di raccogliere milioni e milioni di dati”.