Pamela Prati accusa Carlo Taormina: “Ha detto falsità su di me, pensavo fosse un bravo avvocato”

Pamela Prati ha accusato Carlo Taormina di aver detto falsità sul suo conto e ha dichiarato che pensava che fosse un bravo avvocato. Perché? Che cosa è successo? L’ex parlamentare di Forza Italia aveva rilasciato un’intervista a Iceberg Lombardia in cui aveva rivelato: «La Prati voleva che andassi come ospite a Non è la D’Urso per confermare che Mark Caltagirone esisteva, ma io ho non sono caduto nella trappola. Ho detto di no e ho rimesso il mandato, non volevo essere una pedina della truffa complessiva».

Il celebre penalista aveva poi aggiunto: «La creazione di finti matrimoni, con vantaggi mediatici ed economici, è un’industria. Qui almeno la cosa è scoppiata e se c’è un esposto sarà finalmente possibile scoprire la verità. La Prati non poteva non sapere e capì subito che non si poteva scherzare, voleva dettare lei la linea difensiva e dirmi cosa avrei dovuto fare. A me è sempre sembrata lucida e determinata, dubito fortemente della circonvenzione d’incapace. Ho sempre capito come stavano le cose: mi stavano prendendo in giro».

La replica dell’ex star del Bagaglino è giunta su Instagram Story: «Riguardo alle dichiarazioni rilasciate dall’avvocato Taormina, voglio specificare che non gli ho mai chiesto di garantire per me l’esistenza di Marco Caltagirone. Gli avevo solo chiesto di accompagnarmi in trasmissione per tutelare la mia posizione da buon avvocato quale pensavo fosse. Devo ricredermi».

Redazione-iGossip