Forse una svolta nel caso Yara

La triste storia legata alla morte di Yara, sembra avviarsi alla conclusione
Il caso Yara, la povera ragazza uccisa ormai diversi mesi fa, sembra essere finalmente ad una svolta.
Nessuna dichiarazione ufficiale da parte degli inquirenti, ma vi sono diversi indizi che lasciano pensare che finalmente il cerchio si stia stringendo attorno all’assassino o agli assassini.
Parlare di buona notizia è trano, perché sempre della morte di una ragazzina si sta parlando, ma il fatto che i responsabili  possano essere stati individuati, è il solo aspetto positivo di tutta la triste vicenda.

La notizia è stata di fatto diffusa dalla trasmissione “Quarto grado” del 28 scorso, trasmissione nella quale l’inviato Giorgio Sturlese Tosi ha avuto notizia che, pur non essendoci ancora l’ufficialità, e pur non essendo previsto che si possa procedere ad un fermo in tempi brevissimi, si comincia a respirare una atmosfera di forte ottimismo.
Sempre secondo quanto riferito dall’inviato, la Squadra mobile, la Polizia scientifica e il personale del Servizio centrale operativo della Polizia sono di fatto mobilitati e sono anche stati sospesi  tutti i permessi e le ferie concesse per questi giorni di festa del ponte di Ognissanti. Lo stesso vale per i dirigenti e per gli inquirenti che hanno di fatto cancellato tuti gli impegni personali per essere sul posto, visto che sono in corso numerose perlustrazioni del territorio.

La svolta nelle indagini, se di svolta effettiva si tratta, sembra siano il risultato delle comparazioni del DNA riscontrato sugli indumenti intimi di Yara e i profili biologici prelevati della popolazione della zona.
Se la notizia dovesse essere confermata, si potrebbe finalmente mettere la parola fine alla triste vicenda che ha visto prima la scomparsa e poi il ritrovamento di Yara ormai priva di vita.
Ora non resta che avere fiducia negli inquirenti che hanno dimostrato di avere una determinazione assoluta nella ricerca del responsabile, determinazione che non li ha mai abbandonati in tutti questi lunghi mesi.

WebWriter