Internet, al via la vendita dei domini .xxx

In vendita i domini xxxDopo il dominio .org e il .com e tutti quelli che seguono le sigle delle varie nazioni del mondo, ICM Registry, azienda responsabile della vendita dei domini internet, ha iniziato a vendere i domini XXX esclusivamente per contenuti pornografici. Le offerte sono completamente bloccate e sono effettuabili solo dai marchi più noti: per ogni sito, poi, viene assolutamente vietato l’utilizzo di un nome di una celebrità. Si apre un distretto a luci rosse su Internet che permette di garantire una realtà più certificata e controllata per il commercio della pornografia: l’innominato utente potrà tranquillamente recarsi sul dominio apposito e gestire al meglio la propria attività, come accadeva anche in precedenza nel noleggio di cassette e DVD a luci rosse.

Nei primi 50 giorni, ICM andrà a vendere i domini esclusivamente a Microsoft, Apple, McDonald e tutti coloro i quali possono vantare un grande commercio economico così da poter bloccare tutti i domini che arrechino il loro nome: Microsoft.xxx e Apple.xxx per dirne due rappresenteranno due domini bloccati e intoccabili da parte del consumatore. Si eviterà così la nascita del cyber squatter, con numerose persone attente all’acquisto di determinati domini al solo scopo di ricatti economici.

Dopo i 50 giorni di attesa e di mercato chiuso si darà il via ai 17 giorni dell’industria della pornografia: tutti i nomi noti dell’attività hard potranno acquistare quel di cui hanno bisogno prima che possano essere soffiati da altri detrattori. Infine, passate queste due settimane circa, si aprirà il mercato all’interno pubblico e chiunque ne abbia necessità senza, ricordiamo, andare a violare il sacro principio al nome di persone note e non: nomi dei politici, personaggi famosi, facenti parte dei circuiti più noti del momento, non potranno essere inseriti all’interno dell’URL del proprio dominio. Misura di sicurezza necessaria per debellare i tanti.

WebWriter