Marco Carta arrestato, la versione dell’addetto alla sicurezza: “È entrato in bagno con le t-shirt”

Marco Carta è stato arrestato per furto aggravato venerdì scorso insieme a una donna di 53 anni e che resta indagato per poi essere rilasciato. La testimonianza dell’addetto alla sicurezza della Rinascente a due passi da piazza del Duomo è stata messa a verbale. Il vigilante ha riferito di aver visto e “curato” un uomo e una donna che avevano in mano sei costosissimi capi Neil Barrett (valore totale 1.200 euro).

Marco Carta – Foto: Facebook

“I due si sono avvicinati a un camerino – ha dichiarato il vigilante -, lui è entrato, lei è rimasta fuori. Da lì gli passava man mano le magliette e, infine, gli ha passato anche la borsa”. Poi, dopo essersi allontanati dai camerini, “i due non avevano più in mano le magliette”.

A quel punto, ha riferito l’addetto, “il ragazzo è entrato in bagno, poi è uscito, ha preso due costumi da bagno e si è recato in cassa per pagare”.

All’uscita è suonato però l’allarme e nella borsa della donna sarebbero state ritrovate le maglie, prive dei dispositivi anti-taccheggio rigidi (poi ritrovati – viene riportato – in un bagno), ma con ancora quelli “morbidi”, meno evidenti. A quel punto è partita la chiamata alla Polizia e gli agenti, giunti sul posto, hanno fermato entrambi.

Il resto è noto: al processo per direttissima l’arresto del cantante sardo Marco Carta non è stato convalidato, quello della proprietaria della borsa dove sono state trovate le magliette sì.

Il cantante Marco Carta ha smentito tutte le accuse sui social e in aula di giustizia. Entrambi compariranno davanti al giudice per il processo il prossimo 20 settembre.

Redazione-iGossip