Marco Carta replica alle critiche di Mahmood sul suo coming out in tv: “È un po’ contraddittorio”

Marco Carta ha replicato alle critiche del collega Mahmood sul suo coming out in tv durante l’ultima puntata del programma Live – Non è la D’Urso. Durante una recente intervista rilasciata a Vanity Fair, il vincitore del Festival di Sanremo 2019 con la canzone Soldi aveva bocciato la scelta di Marco Carta di fare coming out a Domenica Live: “Penso che sia sbagliato, in un certo senso, parlare di queste cose. Dichiarare ‘sono gay’ non porta da nessuna parte, se non a far parlare di sé. Andare in tv da Barbara D’Urso a raccontarlo mi sembra imbarazzante. Così si torna indietro di 50 anni”.

Ieri Marco Carta si è tolto qualche sassolino dalla scarpa. Il vincitore di Amici di Maria De Filippi e del Festival di Sanremo l’ha accusato di essere ipocrita e contraddittorio.

“Io ho letto queste illazioni – ha spiegato Carta -, ognuno la pensa come vuole, però io sono andato a pescare un articolo di lui di un anno fa dove dice ‘l’outing va sempre fatto, in qualsiasi modo e in qualsiasi forma, l’importante è dirlo perché dirlo è un bene’. È un po’ una contraddizione”.

Anche la padrona di casa Barbara D’Urso si è schierato dalla parte del cantante sardo: “Ovviamente sapevo delle parole di Mahmood che peraltro è un artista che mi piace tantissimo. Io quotidianamente, siccome cammino, vado nei bar, in giro, a fare la spesa come tutte le altre persone – ha detto la presentatrice tv campana -, vengo quotidianamente fermata da tantissimi ragazzi che mi ringraziano per quello che faccio, perché ci sono alcune famiglie, magari in qualche paese lontano, o anche nelle città, che ancora non riescono ad accettare i ragazzi omosessuali e le ragazze lesbiche. E sono tante le persone che mi ringraziano. Quindi che tu o altri abbiate il pensiero che sia inutile farlo in televisione, io continuo a farlo, mi dispiace per voi”.

Redazione-iGossip