Quantcast

Gulliver è il nuovo album di Giò Sada

Gulliver è il nuovo album di Giò Sada. Il nuovo disco del vincitore di X Factor 2015 è stato anticipato dal singolo 100 vite, pubblicato lo scorso 5 marzo. “Gulliver è una metafora del mio percorso artistico – ha spiegato l’artista -, grazie al quale nel corso di pochi anni ho attraversato mondi diversi e opposti”.

Sada ha poi aggiunto: “È un nuovo inizio, in cui la regola è riportare la musica all’esperienza dell’ascolto, svincolandola dal legame con l’immagine, l’esteriorità, dal rapporto col pubblico attraverso il personaggio e non il contenuto, per ritornare a una dimensione più autentica, come esperienza di condivisione. La musica è intensa, ad alto impatto emotivo, senza limiti di genere, che parte dalla semplicità di chitarra e voce per spingersi fino alla contaminazione con l’elettronica. I miei testi parlano di resilienza: la consapevolezza di non voler più rincorrere la realtà, rinunciando alla frenesia che la contemporaneità impone”.

Anche il singolo L’Essere Meccanico fa parte del suo nuovo disco. Il 29enne cantautore barese Giovanni Sada ha così descritto il brano: “Mi auguro di non trasformarmi nell’essere meccanico, cioè colui che rischio di diventare se spengo tutto quello che sento, se penso vigliaccamente solo al mio orticello. L’essere meccanico: colui che ti fa rinunciare a tutti i tuoi sogni per rispettare quello che ti hanno imposto di essere, come se fosse una regola aderire all’idea che gli altri esseri meccanici hanno di te. L’essere meccanico è sempre più bravo a muovere il mio corpo – ha aggiunto Sada – e a prendere decisioni al posto mio. E io, credendo di scegliere liberamente, ci casco sempre. Allora cerco di limare la mia ambizione personale, che nulla produrrebbe se non l’ennesimo stronzo che dimostra a tutti quello che ha ottenuto, pavoneggiandosi cafonamente, sfruttando l’invidia come calamita per potersi arricchire e prosperare, come una piovra. Vorrei quindi, e canto per questo, che l’ambizione di un mondo equo diventasse collettiva – ha sottolineato -, con uno slancio che ci permetta di unire gli intenti verso la matrice di un vero cambiamento, che solo insieme possiamo rendere vero e tangibile. La vera illusione è che tutto resti com’è. Non lo è invece la certezza che tutto possa cambiare, in meglio, grazie a te”.