Quantcast

Inter: Sneijder potrebbe partire dalla panchina


Alla fine è iniziato e a breve toccherà anche all’Inter, che potrebbe anche presentare delle sorprese all’esordio in campionato. Sneijder potrebbe partire anche dalla panchina, ma per averne la certezza, bisognerà comunque aspettare il fischio d’inizio.

A lasciare intendere che potrebbero esserci delle sorprese anche  di un certo rilievo è lo stesso Gasperini. “Abbiamo provato schemi diversi e quindi esiste la possibilità che si possano usare delle soluzioni alternative. Sneijder, che comunque io ritengo un attaccante, non sarebbe certamente un problema. Del resto, gli attaccanti che abbiamo a disposizione sono diversi e dovremo trovare i giusti equilibri”. Un po’ come dire che, dal momento che sono tanti, mica possono giocare tutti contemporaneamente e, dal momento che lo stesso olandese è un attaccante per il mister, anche per lui potrebbe capitare di doversi accomodare in panchina.

Sneijder è un grande giocatore”, continua Gasperini, “ uno dei migliori giocatori a livello mondiale e penso che possa fare anche quest’anno una annata eccezionale e segnare come e forse  più che nella passata stagione. La difesa a tre? Non è assolutamente un problema. Si tratta di un modulo che ho usato e che mi ha sempre dato dei risultati interessanti. Non sono qui per fare il fenomeno, ma sono all’Inter per ottenete rei risultati concreti, ed è quello che ho intenzione di fare”.

Per quanto riguarda la faccenda relativa all’impossibilità di utilizzare Forlan nella prima fase della Champions, Gasperini si dichiara rammaricato, e al tempo stesso sorpreso per come sono state gestite le cose. Certo, si sarà anche trattato di un problema di insufficiente comunicazione all’interno della società, ma il maggior rammarico di Gasperini è quello di non aver potuto inserire Castaignos nella lista Uefa dei convocati per la prima fase del girone di Champions.
Forlan è un campione”, conclude Gasperini, “e sarebbe venuto all’Inter in tutti i casi”.