Quantcast

Junior Cally rivela: “Ossessionato dal se**o, uscivo con le mogli dei politici”

Junior Cally ha lasciato la clinica di riabilitazione dopo 5 settimane. In un rehab in Toscana si è sottoposto a sedute di psicoanalisi, meditazione e yoga dopo che aveva ammesso sui suoi profili social qualche mese fa di avere problemi con l’alcol, alimentati dal disturbo ossessivo-compulsivo di cui soffre da anni, e di aver sviluppato anche una dipendenza dal sesso.

Junior Cally – Foto: Facebook

Ha raccontato i problemi con l’alcol e il sesso compulsivo durante un’intervista rilasciata al Corriere della sera. Il rapper ha svelato di aver avuto un tracollo subito dopo il Festival di Sanremo del 2020: “Tante cose brutte di questi due anni sono figlie di quel Sanremo. Mi hanno demonizzato”.

Le sue canzoni sessiste, le maschere indossate per nascondersi e la canzone “No, grazie”, palesemente contro Salvini, scatenarono un vero e proprio caso.

Una situazione che lo ha portato alla deriva tra alcol e sesso compulsivo: “C’entrava l’alcol: la sera, vai a letto con una; il giorno dopo, conosci un’altra a pranzo e pure ci vai a letto… Sono andato avanti così per quasi un anno. A primavera, con lo psicologo, mi sono detto: perché devo cercare conferme col sesso? Non mi serve questo scudo da rockstar”.

Nel video del suo ultimo brano intitolato Come Monet, Antonio Signore – questo il suo vero nome – fa sesso con più donne e con mogli di politici e calciatori. Quasi una trasposizione della sua vita prima del ricovero, ha spiegato lui: “Era così. Rappresenta i tre mesi più sessualmente densi, peggiori. Mi dicevo: devo essere il primo, è sposata, ma vuole me. Di spiegazioni ce ne sono tante. A Focene, ero sempre il diverso, lo sfigato che voleva fare rap e nessuno ci credeva”.

Non a caso il suo nuovo album si intitola Un passo prima e sarà disponibile a partire dal prossimo 10 settembre.