Quantcast

Lele Mora “Ho sofferto per Fabrizio Corona”

fabrizio-corona-e-lele-mora

Lele Mora torna a parlare del suo grande amore nei confronti di Fabrizio Corona e della condanna da parte della Cassazione nei confronti dell’ex re dei paparazzi “Non era un momento solo dorato il nostro, ma di grande lavoro. Mi ha fatto un effetto brutto che la Cassazione abbia confermato questi anni che Corona non si meritava, non ha ucciso nessuno e non ha fatto niente di male” ha spiegato Fabrizio Corona “La sua era un’agenzia fotografica, che vendeva cose che erano sul mercato. Era un po’ pazzerello, ma Fabrizio è un po’ bipolare, forse la mamma lo sa e lo capisce bene. A momenti era meraviglioso, a momenti pensava solo ai soldi. Ma non è un criminale”.

“Lui ritirando certe foto ha cercato di non rovinare certe famiglie” ha raccontato Lele Mora “E farselo pagare era il suo lavoro. Io ne ho a migliaia di servizi con i miei artisti che non ho fatto uscire, per tutelare gli artisti. Poi se Fabrizio ha avuto questa malattia della doppia personalità…. lui voleva cambiar vita e andare all’estero… questo l’ha fatto lasciar andare su tante cose. Ma si danno molti meno anni a truffatori, o a persone che toccano i bambini”.

“Lui viene da una famiglia perbene, la mamma gli ha insegnato il meglio del meglio” ha rivelato Lele Mora “Fabrizio, prima o dopo qualcosa di onesto arriverà. Con lui non parlo dal 2009. Non ci ho scritto per motivi personali, ma ho sofferto molto questo suo modo di comportare negli ultimi anni perché non era il Fabrizio che ho conosciuto io. Spero che questa dura prova che gli ha messo la vita lo abbia cambiato e che torni a essere il ragazzo di prima, che deve amare sua madre, suo fratello e suo figlio”.