Quantcast

Maltempo, nuovo attacco artico: tornano freddo e piogge

L’Italia sarà di nuovo nella morsa delle temperature artiche. Il lieve aumento delle temperature che ha interessato il Paese negli ultimi due giorni lascerà spazio a una nuova ondata di maltempo e gelo. I meteorologi prevedono l’arrivo di una nuova perturbazione proveniente dal Nord Europa che porterà la neve anche a bassa quota.

nuovo attacco artico in Italia- fonte liberoquotidiano.it

Il nuovo peggioramento delle condizione meteorologiche interesserà soprattutto in nord Italia. Forti precipitazioni e nevicate e basse a quota su Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia Romagna. Si registreranno anche precipitazioni diffuse sul versante adriatico e sparse altrove nel centro Italia e temperature in calo a sud.

Se da un lato l’espansione dell’Anticiclone delle Azzorre verso i Paesi centro-settentrionali del continente e la saldatura con l’Anticiclone Russo-Siberiano bloccheranno la circolazione atmosferica, dall’altro l’area mediterranea e il nostro Paese saranno interessati da afflussi di aria molto fredda proveniente da est e tempo instabile.

Le abbondanti precipitazioni e il calo delle temperature comportano diversi rischi e pericoli, soprattutto per la circolazione. Autostrade per l’Italia raccomanda massima prudenza alla guida, sottolineando quanto il fenomeno della pioggia gelata o freezing rain non sia gestibile con il sale.

Il fenomeno della pioggia gelata è un fenomeno molto raro e pericoloso che si verifica solo in particolari mutamenti sulla colonna termica. L’evento è una pioggia sopraffusa che gela all’istante nel momento in cui tocca il suolo o qualsiasi altro oggetto, rendendo le strade scivolose.  Questo fenomeno, tipico delle conche o delle aree pianeggianti, ha svegliato gli abitanti di diverse zone della Pianura Padana e delle pianure marchigiane con lastre di ghiaccio su strade e marciapiedi.

La morsa del gelo sta avendo un forte impatto su agricoltura e allevamento. Il maltempo ha decimato interi raccolti di ortaggi e piante da frutta e di animali. I danni sono stimati per centinaia di milioni di euro, senza far riferimento alle perdite commerciali dovute alle difficoltà di consegna del latte e degli altri prodotti che si sono salvati dal gelo. La stima del dossier della Coldiretti sugli effetti di questa ondata di gelo e neve non comprende la nuova perturbazione che sta interessando in queste ore il Paese.