Quantcast

Matt McGorry rivela: “Ho avuto esperienze con diversi maschi, lo fanno molti etero e non lo dicono”

Matt McGorry ha rivelato di aver avuto esperienze con diversi maschi, pur sottolineando di essere eterosessuale. Il 35enne attore statunitense, noto per il suo ruolo di John Bennett nella serie televisiva Orange Is the New Black e di Asher Millstone ne Le regole del delitto perfetto, ha partecipato a Man Enough, un talk in cui – insieme a Derek Hough e Javier Muñoz- ha parlato della mascolinità, degli stereotipi di genere ed ha raccontato alcuni episodi della sua vita.

Matt McGorry – Foto: Facebook

McGorry è nato e cresciuto a Manhattan. Ha frequentato la Fiorello H. LaGuardia High School a New York e l’Emerson College a Boston. Ha debuttato in televisione nel 2011 nella soap Una vita da vivere. Successivamente è apparso in Person of Interest, Gossip Girl e Royal Pains. Nel 2013 ha ottenuto il ruolo ricorrente di John Bennett nella serie Orange Is the New Black. Dal 2014, recita nella serie televisiva Le regole del delitto perfetto nel ruolo di Asher Milistone, uno dei cinque studenti della professoressa di diritto penale, nonché avvocato difensore, interpretata da Viola Davis.

Ora ha confessato un retroscena sulla sua gioventù: “Quando ero giovane, come molti ragazzi etero, ho sperimentato delle cose con altri ragazzi. Mi capite giusto? Ed è qualcosa di così comune, ma nessuno ne parla. I ragazzi non lo dicono a nessuno. Cosa intendo per sperimentare? Fisicamente, non penso che fosse sentimentale, perché sono etero e non sono mai stato attratto dai ragazzi, ma comunque sono successe certe cose. Adesso non vorrei entrare nei dettagli di quegli episodi. Però sono capitati. E per anni mi sono vergognato così tanto di quello che avevo fatto. Come se fosse una cosa da nascondere. Continuavo a dirmi ‘se diventerò famoso qualcuno scoprirà tutto e mi distruggerà, i ragazzi con cui ho fatto quelle cose parleranno e racconteranno. Ed è così che funziona la vergogna, tieni le cose nascoste e poi marciscono e questo non va bene. Le persone devono vederci per quelli che siamo e non dobbiamo vergognarci di nulla”.