Quantcast

Maurizio Sorge contro Claudia Gerini: “Mi ha detto ciccione, ti buco la pancia flaccida e con un calcio ti stacco la testa”

Maurizio Sorge ha risposto all’intervista della famosa attrice Claudia Gerini rilasciata alla giornalista Candida Morvillo del Corriere della Sera mediante una lettera pubblica indirizzata al sito di attualità e gossip Dagospia. All’epoca Claudia Gerini era fidanzata con il modello ed ex naufrago vip dell’Isola dei famosi, Andrea Preti. Lei è a processo, dopo che il 22 aprile 2017 Maurizio Sorge l’aveva accusata di avergli sottratto lo smartphone col quale le aveva appena girato un video. Il processo è iniziato a Trani il 5 ottobre e la prossima udienza sarà a primavera. Sono imputati in concorso lei e l’ex compagno, Andrea Preti.

Claudia Gerini Maurizio Sorge
Claudia Gerini e Maurizio Sorge – Foto: Dagospia.com

La mamma vip di Rosa, avuta dall’ex marito Alessandro Enginoli (dirigente finanziario con cui è stata sposata dal 2002 al 2004) e Linda da Federico Zampaglione (il cantante dei Tiromancino, a cui è stata legata dal 2005 al 2016) ha dichiarato alla giornalista Candida Morvillo: «Ho sbagliato solo perché non ho saputo tenere la calma, avrei dovuto restare zen e, invece, ho fatto una sfuriata al paparazzo, ma certo non gli ho rubato il telefonino».

Sorge ha raccontato la sua versione dei fatti: «Arrivati al porto e dopo che avevano fatto una sosta in un alimentari pasticceria, lei nota la mia presenza e senza pensarci su CORRE verso di me intimandomi di non fotografarla e dicendomi “ciccione ti buco la pancia flaccida, con un calcio ti stacco la testa” mimando con la gamba la sua sicurezza nell’attuale il suo proposito. Io gli dico” mi scusi ma non mi conosce perché mi insulta in questo modo, siete una coppia ormai da mesi non credo di nuocervi e poi siamo sul suolo pubblico ed io scatto”. Lei continua ad insultarmi mentre il Preti resta a distanza e fissandomi non partecipa a questo teatrino».

E poi ancora: «Ritornano verso l’hotel e si accorgono della mia precaria deambulazione e così iniziano a correre per distaccarmi, ma siccome non sono stupido, faccio autostop e si ferma un certo Luigi, un abitante del posto che mi accompagna all’hotel. Li anticipo e loro non si accorgono della mia iniziativa, prendo la macchina, in realtà di mio fratello che gentilmente me l’aveva prestata, e mi posiziono alla fine del lungomare dove una rampa porta all’hotel. In attesa e stando seduto in macchina posiziono il mio Samsung appena comprato sul poggia braccio del passeggero in attesa poi di metterlo in modalità “video” appena ci fosse l’occasione visto il “caratterino” molto vivace di Claudia Gerini che non è nuova a queste intemperanze visto che in più occasioni ha preso a calci le macchine dei miei colleghi che stazionavano sotto la sua casa».

Ha poi rivelato: «Li vedo arrivare ed inizio a scattare sempre da dentro la macchina, lei su suggerimento di Preti mi vede e viene verso di me. A quel momento attivo in modalità video il mio cellulare immaginando quello che potesse dire e fare. Premetto che ne avevo due di cellulari. Avvicinandosi al finestrino inizia di nuovo ad insultarmi come fossi il suo nemico è mi conoscesse oppure avessimo avuto a che fare in altre situazioni: Mai!!! Io per non far vedere il Samsung che aveva già fatto il suo dovere registrando il tutto, esco dalla macchina ma lei, la Gerini, lo nota ed inizia a strillare: “CI STA REGISTRANDO CA**O, PRENDIGLI IL CELLULARE, CI HA FATTO IL VIDEO, SBRIGATI” urla a Preti che obbedisce al suo ordine, aprendo lo sportello della mia macchina e “PRELEVANDO” il telefono anche se io gli dicevo di non azzardarsi a farlo!!!».

Per poi asserire a Dagospia: «Era presente anche una addetta alla Reception e il Proprietario dell’hotel. Salgono in camera e non mi ascoltano mentre io chiamo i Carabinieri…esco nel giardino antistante e mi accorgo che la Gerini, saltando il muretto che delimitava l’hotel rientrava all’interno in prossimità della mia macchina. Da quando sono saliti in camera a quando l’ho vista rientrare saranno trascorsi 10/15 minuti perché ho chiesto aiuto al proprietario affinché mi risolvesse il problema ma non ha voluto saperne. Come vedo la Gerini penso che dopo aver cancellato il video mi voglia riconsegnare il cellulare mettendolo nei pressi della mia macchina..!!! ERRORE… ERA ANDATA A GRAFFIARMI LA MACCHINA. Arrivano i Carabinieri, controllano i cellulari in possesso di Preti e Gerini e non c’era quello che prima io ero riuscito a fotografare in possesso della Gerini!!! Cioè io l’ho fotografata con la PROVA in mano!!!».