Alessandra Amoroso non sarà mai coach ad Amici di Maria De Filippi

Alessandra Amoroso non sarà mai coach ad Amici di Maria De Filippi. La famosa e popolare cantante salentina ha rivelato di essere terrorizzata dalla televisione. L’amatissima artista Alessandra Amoroso ha rilasciato un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni in cui ha spiegato: “La tv ancora mi terrorizza. Lo so, è strano detto da me. Anche in un ambiente come Amici, nel quale conosco pure le signore delle pulizie, so che avrei il terrore nel ruolo di direttore artistico. La tv in passato mi ha schiacciata e non voglio stare male come allora. Solo quando salgo sul palco e faccio musica mi sento libera e i fan se ne accorgono”.

Alessandra Amoroso – Foto: Facebook

La cantante di Stupendo fino a qui e Vivere a colori ha poi raccontato: “Mi piacerebbe festeggiare i 10 anni di carriera con un concerto. Il più bello che abbia mai fatto. Negli stadi? L’ho sempre sognato. Se capitasse, lo vorrei fare per chiunque abbia una mia canzone attaccata a un ricordo della sua vita. Lo farei perché dalla prima fila al posto più in alto, tutti possano pensare: Sandrina, guarda un po’ dove siamo arrivati”.

E sul presunto matrimonio con Stefano Settepani ha voluto fare nuovamente chiarezza: “Quando mia madre mi ha chiamato per sapere se io e Stefano le stessimo nascondendo qualcosa, ho capito che il gossip stava diventando enorme. Così ho smentito”.

La vincitrice di Amici di Maria De Filippi 8 è però finita nel tritacarne delle polemiche e delle critiche per la clip della hit Comunque andare, contenuta nel disco Vivere a colori.

L’Associazione Amici Sostenitori della Polizia Stradale (ASAPS) ha ammonito Alessandra Amoroso perché nel videoclip di Comunque andare è alla guida dell’auto senza cinture di sicurezza. Il presidente dell’ASAPS Giordano Biserni ha scritto: “64.532.299: non è il numero telefonico di Alessandra Amoroso, ma quello delle visualizzazioni del suo video (al momento in cui scriviamo) con il quale la brava cantante ci delizia con il suo Comunque andare. Una bella canzone. Però cara Alessandra da lei non ci aspettavamo che nei 3 minuti e 42 secondi del suo video ci apparisse come conducente senza indossare le cinture di sicurezza, ma poi anche come passeggera sia nel sedile anteriore che in quello posteriore. Inutile dirle che le cinture sono obbligatorie anche lì, davvero sa…? Chi ha curato la sceneggiatura del suo simpatico video ha commesso un grave errore comunicativo, capiamo le esigenze dello spettacolo ma non possiamo rinunciare alle esigenze comunicative della “sicurezza” specie per tanti giovani suoi fan”. Il presidente ha poi concluso: “Quindi, per farla breve, cara Alessandra lei è libera di “Comunque andare” ma per cortesia vada in auto con le cinture allacciate perché altrimenti canterà anche bene, ma comunicherà ai suoi giovani fan molto male e per 64.491.091 di volte […]”.