Quantcast

Nozze gay: Presto ad Edimburgo

L’europa comincia a rispondere posivitamente alle nozze gay, ovvero alle unioni di diritto tra persone dello stesso sesso, cosa ancora non concessa in alcuni stati, compresa l’Italia.

Nei giorni scorsi proprio sulle nozze gay, vi è stato un vero e proprio litigio politico nato all’interno del Pd, per dare il via libera ad un progetto di legge,che è già legge in paesi come la Francia. E adesso anche Edimburgo si sente pronta ad affrontare la battaglia in parlamento, e si pensa otterrà anche largo consenso. Il vice-premier Nicola Sturgeron ha dichiarato, proprio in questi giorni, che l’esecutivo presenterà in Parlamento,la proposta di legge che legalizza le nozze gay, entro la fine dell’anno.

Un passo importante quello della Scozia, che precede e vince sul tempo, la moderna Londra. Lo stesso premier inglese David Cameron ritiene che sia un passo obbligato, ma si trova davanti un grande ostacolo, la Chiesa d’Inghilterra, un pò quello che succede qui da noi in Italia con lo Stato Vaticano.

Certo la questione è molto più complicata di quello che sembra, perché andrebbero a cadere sodalizi importanti tra governo e Chiesa,ma forse è ora di aprire la mente ed accettare che alla base di un  matrimonio, sopratutto duraturo, vi deve essere l’amore e il reciproco rispetto, piuttosto che la menzogna e l’ipocrisia.

Sembrano frasi fatte,parole belle e poche concrete, ma la questione va avanti da anni e pochi sono quelli che se ne occupano seriamente. Riuscirà l’Italia a distinguersi prima o poi. Vedi la questione della fecondazione eterologa, tante parole pochi fatti, e torniamo sempre al punto di partenza. A quando la svolta?