Quantcast

Quanto ne sappiamo della tecnica Whisking?

Le make-up addicted amano la parola “personalizzazione” da sempre perché permette loro di essere uniche. A dare una mano ci pensa la tecnica Whisking. Di cosa si tratta?

Texture, colore e finish. Il grande problema delle appassionate di trucco è trovare cosmetici in grado di adattarsi perfettamente alle loro caratteristiche e a quello che desiderano.

Certo le linee di prodotti delle case cosmetiche offrono diverse soluzioni capaci di soddisfare le esigenze più disparate, ma la tecnica Whisking fa molto di più.

Cos’è il Whisking?

La parola “whisking” significa “mantecare”, “frullare”. Cosa c’entra con il trucco? I prodotti cosmetici possono essere “mescolati” per ottenere trucchi personalizzati.

Questo metodo nasce essenzialmente nei backstage delle sfilate di moda, dove i tempi al cardiopalmo spingono a ideare soluzioni veloci per ottenere risultati al top.

Va da sé che il Whisking consente di creare cosmetici nuovi e personalizzati e di abbattere i tempi da dedicare applicazione dei diversi strati di make-up.

Come fare il Whisking

Le make-up addicted possono sfruttare il Whisking per creare trucchi personalizzati che rispettano la pelle e le caratteristiche personali.

Tutto quello che devono fare è miscelare due prodotti diversi in modo da creare un  nuovo cosmetico inedito e personalizzato.

In pratica i due cosmetici devono essere versati in un piattino, un barattolino o un recipiente piccolo ed essere mescolati con una spatolina o le dita.

L’essenziale è unire due prodotti indicati appositamente per la zona da trattare per evitare pasticci: quindi due mascara colorati, due rossetti e così via.

È bene unire due prodotti specifici ma con obiettivi diversi per ottenere qualcosa di multitasking. Un esempio? Un prodotto per il contorno occhi e un olio idratante che idratano ed eliminano le pieghette.

“Less is more”. È sempre meglio non mescolare più di due cosmetici per volta in modo da non avere un prodotto troppo pastoso e coprente che possa ostruire la pelle.

È importante non mescolare due cosmetici completamente diversi in quanto un prodotto oleoso non si mescolerà mai a un cosmetico con base acquosa.

Qualche consiglio di Whisking

Il modo migliore per fare Whisking nel make-up è conoscere la composizione e lo scopo dei prodotti che si intente “frullare”. Ecco qualche consiglio.

  • Cipria e acqua termale – L’applicazione della cipria fissa il trucco e opacizza la pelle mentre la vaporizzazione dell’acqua idratante evita l’effetto secco. È ideale per chi ha la pelle grassa.
  • Contorno occhi e correttore – Il mix di contorno occhi e correttore consente di correggere le imperfezioni e dare vitalità alla zona.
  • Fondotinta e illuminante – Una miscela di fondotinta e illuminante crea una base trucco luminosa che valorizza la bellezza naturale.
  • Fondotinta e primer – Miscelare fondotinta e primer consente di evitare di applicare prima il primer e dopo il fondotinta. Il risultato è un incarnato uniforme.
  • Ombretto e gloss trasparente – L’unione tra un ombretto in polvere e un gloss labbra trasparente crea un ombretto più vivido dall’effetto bagnato.
  • Ombretto e vasellina – L’unione di un ombretto e un po’ di vasellina dà vita a un rossetto personalizzato particolarmente idratante e duraturo.