Quantcast

Sfera Ebbasta replica alle polemiche: “Devo andare più veloce di chi mi odia”

Sfera Ebbasta ha replicato alle aspre e durissime polemiche di queste ultime settimane e all’avviso di garanzia con una frase ad effetto. Senza troppi giri di parole, il principe della trap italiana ha condiviso uno scatto che la ritrae con la sua lussuosa automobile e ha scritto: “Devo andare più veloce di chi mi odia”.

Sfera Ebbasta – Foto: Instagram

Dopo la drammatica notte del 7 dicembre, in cui hanno perso la vita una giovane mamma e cinque ragazzini nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, oltre 80 ragazzi hanno avviato una vera e propria class action contro gli organizzatori, i proprietari e lo stesso Sfera.

Visualizza questo post su Instagram

Devo andare più veloce di chi mi odia

Un post condiviso da $€ (@sferaebbasta) in data:

Il famoso e ricco trapper italiano, che ha sbancato la classifica della top 100 degli album più venduti nel nostro Paese con l’album Rockstar, è stato attaccato duramente dalla mamma di una delle vittime della strage di Corinaldo: “Evita di postare foto da idiota con il tuo ‘pacco’ (con un riferimento a una instagram story postata dal rapper durante le feste, ndr)… Ricordati che il regalo più grande te lo sei fatto portandoti sulla tua coscienza sei morti“.

Visualizza questo post su Instagram

Quando passo si affacciano al balcone ?

Un post condiviso da $€ (@sferaebbasta) in data:

Sfera Ebbasta è stato iscritto nel registro degli indagati per istigazione all’uso di droga in seguito all’esposto di due senatori di Forza ItaliaLucio Malan e Massimo Mallegni.

Visualizza questo post su Instagram

Se parli di me ? #STAMMFORT fuori domani alle 00:00

Un post condiviso da $€ (@sferaebbasta) in data:

Molti colleghi hanno difeso a spada tratta Sfera, tra cui Achille Lauro, pseudonimo di Lauro De Marinis. Il rapper, che è in gara alla sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo con l’inedito Rolls Royce, ha dichiarato all’Ansa: “I ragazzi ci vedono come un esempio e sicuramente noi come artisti abbiamo delle responsabilità, ma non possiamo diventare capri espiatori. Altrimenti dovremmo mettere al bando gente come Amy Winehouse o Jim Morrison”. Achille Lauro ha precisato che la droga esiste, nelle periferie come nel mondo dello spettacolo.