Quantcast

Tommaso Zorzi e Selvaggia Lucarelli: scontro furioso sui social

Tommaso Zorzi e Selvaggia Lucarelli sono ai ferri corti. Ora è scontro furioso sui social tra l’influencer e la giornalista. Tutto è nato per colpa di un ricordo social condiviso da Tommaso Zorzi sull’unica, grande e invidiabile icona della televisione italiana, Raffaella Carrà. La giurata di Ballando con le stelle e opinionista tv Selvaggia Lucarelli l’ha preso in giro senza mai citarlo.

Selvaggia Lucarelli e Tommaso Zorzi – Foto: Instagram

Il fidanzato del ballerino Tommaso Stanzani ha risposto così alla critica pungente di Selvaggia: “Cara Selvaggia Lucarelli, anzitutto se parli di me pubblicamente abbi quantomeno la creanza di farlo in maniera chiara. Ma mi rendo conto che per una che nel torbido ci sguazza, questo richiesta sia utopistica. Il tuo ruolo da giornalista non ti legittima a sentenziare come io decida di esternare o meno le mie emozioni. Specialmente quando lo faccio nel pieno rispetto della persona che era. Ho sempre esternato pubblicamente cosa rappresentasse per me la Carrà e ho ritenuto fosse di mio gusto anche questo ultimo personalissimo saluto. La tua spasmodica voglia di far perpretare il tuo pensiero sempre polemico come se fosse il Verbo ha francamente, sempre per mio gusto, rotto i coglion*. E dato che non mi segui nemmeno sui social, non capisco il fastidio che ti possa aver arrecato una mia storia. Ciaone, Tommy”.

Selvaggia ha controreplicato: “Qualcuno con la terza media gli spieghi il significato del verbo perpetrare. Nel leggerlo mi è venuto da piangere, ma non farò un video con le copiose lacrime che mi scendono”.

A distanza di ore, l’influencer Tommaso Zorzi ha deciso di rispondere alla giornalista e scrittrice sostenendo l’uso del verbo perpretare nella sua frase: “Ah e comunque, cara Selvaggia Lucarelli ‘perpetrare’ per la Treccani vuol dire commettere intenzionalmente, mandare a effetto azioni disoneste, malvagie cioè esattamente quello che intendevo dire rispetto al tuo pensiero sempre polemico sguazzando nel torbido quindi la terza media forse devi farla tu. Ah e già che hai iniziato la questione accademica, a differenza tua sono laureato”.

Lucarelli ha chiuso così l’argomento: “Far perpetrare il tuo pensiero non significa niente. NON SIGNIFICA NIENTE. Ripeti con me: non significa niente. Forse intendevi dire PERPETUARE. E il fatto che da laureato oltre che da ostinato, vacuo arrogantello quale sei tu insista pure, fa parecchio riflettere sul valore della tua laurea. Che è probabilmente parecchio inferiore ai beni di lusso che mostravi ieri, subito dopo la storia col piantarello a favore di camera”.

Caso chiuso? Stay tuned per saperne di più!